LESIONI STRADALI: è responsabile l’automobilista che non impone l’uso delle cinture di sicurezza ai



La pronuncia in commento della Corte di Cassazione chiude la complessa vicenda processuale sorta a seguito di un tragico incidente stradale nel quale perdeva la vita un uomo e rimaneva ferita una donna.

Il conducente dell’autovettura sulla quale si trovava la donna veniva chiamato a rispondere (fra gli altri) del reato di lesioni colpose occorse alla stessa la quale, non assicurata con le cinture di sicurezza, era stata sbalzata fuori dall’autovettura in seguito allo scontro.

L’automobilista, che si trovava anche in stato d’ebrezza alcolica, si difendeva adducendo che non gli era stato possibile verificare che la passeggera stesse effettivamente utilizzando le cinture.

Secondo la Corte di Cassazione, tuttavia, ciò non ha alcuna rilevanza in quanto secondo una consolidata giurisprudenza «Il conducente di un veicolo è tenuto, in base alle regole della comune diligenza e prudenza, ad esigere che il passeggero indossi la cintura di sicurezza ed, in caso di sua renitenza, anche a rifiutarne il trasporto o ad omettere l'intrapresa della marcia. Ciò a prescindere dall'obbligo e dalla sanzione a carico di chi deve fare uso della detta cintura»

In caso di negligenza egli risponderà di lesioni ovvero, nei casi più gravi, di omicidio colposo.

La Corte ha così inteso distinguere fra il soggetto responsabile della violazione del codice della Strada (e tenuto al pagamento della sanzione amministrativa) che è e rimane il singolo passeggero e il conducente che è tenuto tutelare con una condotta prudente e diligente l’incolumità fisica dei trasportati.

Giova osservare, peraltro, che i fatti oggetto della pronuncia risalgono al 2007 e quindi ben prima della modifiche apportate agli artt. 589-bis e 590-bis c.p. dalla Legge nr. 41/2016 che hanno pesantemente inasprito sia le sanzioni penali che quelle amministrative accessorie come la sospensione della patente o il divieto di conseguirne una nuova. Per un approfondimento sul punto segnaliamo il nostro approfondimento "OMICIDIO STRADALE: ecco tutte le novità introdotte dalla nuova legge"

Avv. Alberto Bernardi

Studio Legale Maisano

Avvocati Penalisti in Bologna

Scarica Cass. Sez. 4 nr. 11429/2017


#omicidiostradale #lesionistradali #patente #186CdS #cassazione

4 visualizzazioni

Hai un problema simile?

I nostri professionisti possono aiutarti.

Contattaci compilando il form. Oppure visita la pagina CONTATTI

Cliccando sul tasto invia dichiaro di aver preso visione dell'Informativa sulla Privacy resa ai sensi del D.Lgs. 196/2003 e Reg. 679/2016 e autorizzo il trattamento dei dati personali secondo l'informativa stessa.

Studio Legale Maisano
Via Castiglione, 124 - 40136 - Bologna
Tel. 051 331416 - Fax. 051.0076252 - Cell. 338.6418759

Email: maisano@studiolegalemaisano.it

Pec: francesco.maisano@ordineavvocatibopec.it

  • Facebook - White Circle
  • LinkedIn - White Circle

Il titolare dello Studio Legale Maisano è

Avv. Francesco Antonio Maisano

Iscritto all'Ordine degli Avvocati di Bologna

Iscritto all' Albo Speciale patrocinatori Giurisdizioni Superiori

P.IVA. 03675710374