FACEBOOK: Insultare ripetutamente qualcuno può configurare lo stalking (Cass. Sez. 5 21407/16)



La 5° Sezione della Corte di Cassazione torna a fare chiarezza sui profilli penalmente rilevanti che assume la condotta di chi, attraverso l’utilizzo dei social network, induce la vittima a modificare le proprie abitudini di vita.

La vicenda interessa un ex marito , che a seguito della separazione dal coniuge e dell’affidamento dei figli minori agli ex suoceri, ingiuriava e denigrava questi ultimi attraverso Facebook.

A nulla è valso il ricorso dell’indagato, già sottoposto a divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalle parti offese, che invocava la derubricazione nel reato meno grave di diffamazione, sostenendo che i messaggi pubblicati sulla propria bacheca (utilizzando peraltro account intestati a soggetti di fantasia) non potessero essere letti dalle parti offese in quanto non ricompresi tra il novero degli “amici”.

In questo senso, non è necessario che le missive denigratorie siano indirizzate in forma private. A rilevare è l’idoneità della condotta a generare nella vittima un forte stato d’ansia e il fondato timore per la propria incolumità.

Ricorso inammissibile non resta che pagare le spese processuali.

Dott.ssa Oriana Genovese

Studio Legale Maisano

Avvocati Penalisti in Bologna

Scarica la sentenza Cass. Sez. 5 nr. 21407/16


cassazione 21407/2016

#stalking #facebook #diffamazione

2 visualizzazioni

Hai un problema simile?

I nostri professionisti possono aiutarti.

Contattaci compilando il form. Oppure visita la pagina CONTATTI

Cliccando sul tasto invia dichiaro di aver preso visione dell'Informativa sulla Privacy resa ai sensi del D.Lgs. 196/2003 e Reg. 679/2016 e autorizzo il trattamento dei dati personali secondo l'informativa stessa.

Messaggio inviato correttamente!