Corte Costituzionale: l'ordine di esecuzione va sospeso anche per i condannati a pene fino a 4 a



Con la Sentenza nr. 41/2018 la Corte Costituzionale ha dichiarato l'illegittimità costituzionale dell'art. 656 co. 5 c.p.p. "nella parte in cui si prevede che il pubblico ministero sospende l’esecuzione della pena detentiva, anche se costituente residuo di maggiore pena, non superiore a tre anni anziché a quattro anni”.

La Corte Costituzionale sana quindi quella che da molti era ritenuta una palese incongruità.

L'art. 47 co. 3bis Ordinamento Penitenziario (introdotto con il D.L. 146/2013) consente ai condannati con pene fino a quattro anni di accedere alla misura alternativa dell'Affidamento in prova al servizio sociale; a fronte di tale modifica, tuttavia, il Legislatore non aveva modificato l'art. 656 co. 5 c.p.p. che prevede la sospensione dell'ordine di esecuzione solo per pene fino a tre anni di reclusione. Ne conseguiva che anche i condannati che potenzialmente avrebbero potuto accedere all'affidamento in prova cd. allargato erano costretti a passare dal carcere.

La questione aveva impegnato la giurisprudenza di merito e quella di legittimità per qualche tempo, con orientamenti spesso contrastanti: la Corte di Cassazione, di recente, aveva chiuso definitivamente il contrasto aderendo ad una interpretazione letterale della norma e ribadendo che l'ordine andava sospeso solo per condanne fino a tre anni.

Con la sentenza odierna la Corte Costituzionale ha ribaltato tutto, dichiarando illegittimo tale limite. Secondo il Giudice delle Leggi, infatti, “appare di particolare gravità perché è proprio il modo in cui la legge ha configurato l’affidamento in prova allargato che reclama, quale corollario, la corrispondente sospensione dell’ordine di esecuzione”.

Avv. Alberto Bernardi

Studio Legale Maisano

Avvocati Penalisti in Bologna

#affidamento #penitenziario #cortecostituzionale #misurealternative

0 visualizzazioni

Hai un problema simile?

I nostri professionisti possono aiutarti.

Contattaci compilando il form. Oppure visita la pagina CONTATTI

Cliccando sul tasto invia dichiaro di aver preso visione dell'Informativa sulla Privacy resa ai sensi del D.Lgs. 196/2003 e Reg. 679/2016 e autorizzo il trattamento dei dati personali secondo l'informativa stessa.

Studio Legale Maisano
Via Castiglione, 124 - 40136 - Bologna
Tel. 051 331416 - Fax. 051.0076252 - Cell. 338.6418759

Email: maisano@studiolegalemaisano.it

Pec: francesco.maisano@ordineavvocatibopec.it

  • Facebook - White Circle
  • LinkedIn - White Circle

Il titolare dello Studio Legale Maisano è

Avv. Francesco Antonio Maisano

Iscritto all'Ordine degli Avvocati di Bologna

Iscritto all' Albo Speciale patrocinatori Giurisdizioni Superiori

P.IVA. 03675710374