Studio Legale Maisano
Via Castiglione, 124 - 40136 - Bologna
Tel. 051 331416 - Fax. 051.0076252 - Cell. 338.6418759

Email: maisano@studiolegalemaisano.it

Pec: francesco.maisano@ordineavvocatibopec.it

  • Facebook - White Circle
  • LinkedIn - White Circle

Il titolare dello Studio Legale Maisano è

Avv. Francesco Antonio Maisano

Iscritto all'Ordine degli Avvocati di Bologna

Iscritto all' Albo Speciale patrocinatori Giurisdizioni Superiori

P.IVA. 03675710374

REATI INFORMATICI: è reato spiare la casella e-mail del sottoposto (Cass. Sez. 5 13057/2016)



La Corte di Cassazione, con la sentenza in commento ha esteso anche alla casella e-mail istituzionale le tutele approntate dal Legislatore per il cd. "domicilio informatico" con la conseguenza che gli accessi non autorizzati integrano il reato di accesso abusivo a sistema informatico (art. 615-ter c.p.).

La vicenda: il responsabilie dell'Ufficio di Polizia Provinciale aveva fatto accesso alla casella e-mail istituzionale assegnata ad uno dei suoi sottoposti, prendendo visione di messaggi di posta elettronica e allegati. Veniva accusato e condannato per Violazione della corrispondenza (art. 616 c.p.) e, appunto, accesso abusivo a sistema informatico (art. 615-ter c.p.).

A nulla sono valse le doglianze svolte in sede di Legittimità. La Cassazione ha infatti precisato che la casella e-mail costituisce un sistema informatico a tutti gli effetti così come previsto dalle norme nazionali e sovranazionali in materia di crimini informatici.

Lo spazio di archiviazione cui la casella di posta elettronica si riferisce è esclusivo del dipendente e costituisce "domicilio informatico". A nulla rileva che il sistema informatico sia in uso ad una pubblica amministrazione: il diritto all'inviolabilità del domicilio (ancorchè informatico) è costituzionalmente tutelato e non cede di fronte al superiore gerarchico.

Oltre alla condanna per l'accesso abusivo, l'imputato viene condannato anche per violazione della corrispondenza per aver preso cognizione di una corrispondenza a lui non indirizzata: in questo caso l'equiparazione tra missiva cartacea e informatica o telematica sussiste alla luce dell'ultimo comma dell'art. 616 c.p.

Avv. Alberto Bernardi

Studio Legale Maisano

Avvocati Penalisti in Bologna

Scarica la sentenza Cass. Sez. 5 nr. 13057/2016


#cybercrimes #accessoabusivo #email

0 visualizzazioni

Hai un problema simile?

I nostri professionisti possono aiutarti.

Contattaci compilando il form. Oppure visita la pagina CONTATTI

Cliccando sul tasto invia dichiaro di aver preso visione dell'Informativa sulla Privacy resa ai sensi del D.Lgs. 196/2003 e Reg. 679/2016 e autorizzo il trattamento dei dati personali secondo l'informativa stessa.