MESSA ALLA PROVA: l'imputato è tenuto al risarcimento del danno "ove possibile" (Cass.


Opportune precisazioni della Corte di Cassazione in merito al requisito della necessità delle condotte riparatorie nell'ambito dell'istituto della messa alla prova.

La Corte ha infatti precisato che "ove possibile" il risarcimento è sempre dovuto.

Solo in alcuni casi il risarcimento è inesigibile: si pensi, ad esempio, ai casi in cui non vi sia stato un danno o un pregiudizio quantificabile oppure la persona offesa è irreperibile o rifiuta ogni contatto con l'imputato. L'inesigibilità, tuttavia, va valutata caso per caso.

Secondo la Cassazione, inoltre, l'imputato ha sempre il dovere di attivarsi diligentemente al fine di tentare di risarcire il danno cagionato: in assenza di tale tentativo la MAP può non essere valutata postivamente e quindi non produrre l'effetto estintivo del reato.

Avv. Alberto Bernardi

Studio Legale Maisano

Avvocati Penalisti in Bologna

Scarica la sentenza Cass. Sez. 3 nr. 13253/2016


#MAP #cassazione

0 visualizzazioni

Hai un problema simile?

I nostri professionisti possono aiutarti.

Contattaci compilando il form. Oppure visita la pagina CONTATTI

Cliccando sul tasto invia dichiaro di aver preso visione dell'Informativa sulla Privacy resa ai sensi del D.Lgs. 196/2003 e Reg. 679/2016 e autorizzo il trattamento dei dati personali secondo l'informativa stessa.

Studio Legale Maisano
Via Castiglione, 124 - 40136 - Bologna
Tel. 051 331416 - Fax. 051.0076252 - Cell. 338.6418759

Email: maisano@studiolegalemaisano.it

Pec: francesco.maisano@ordineavvocatibopec.it

  • Facebook - White Circle
  • LinkedIn - White Circle

Il titolare dello Studio Legale Maisano è

Avv. Francesco Antonio Maisano

Iscritto all'Ordine degli Avvocati di Bologna

Iscritto all' Albo Speciale patrocinatori Giurisdizioni Superiori

P.IVA. 03675710374