TENUITÀ: dalle Sezioni Unite via libera a reati con soglia e rifiuto dell'alcooltest (informazio



Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione hanno dato risposta affermativa a tutte le questioni che le erano state sottoposte con le ordinanze 49824/15 e 49825/15 in materia di particolare tenuità del fatto (qui potete leggere il nostro approfondimento).

Il Supremo Consesso (Presidente Canzio, Relatore/Estensore Blaiotta) ha ritenuto che:

- l'art. 131-bis cod. pen. si applica ad ogni fattispecie criminosa, nella sussistenza dei presupposti e nel rispetto dei limiti fissati dalla medesima norma;

- il comportamento è abituale quando l'autore ha commesso, anche successivamente, più reati della stessa indole, oltre quello oggetto del procedimento;

- alla esclusione della punibilità per particolare tenuità del fatto consegue l'applicazione, demandata al Prefetto, delle sanzioni amministrative accessorie, stabilite dalla legge;

- la inammissibilità del ricorso per cassazione preclude la deducibilità e la rilevabilità di ufficio della suddetta causa di non punibilità;

- per contro, nei soli procedimenti pendenti davanti alla Corte di Cassazione per fatti commessi prima dell'entrata in vigore dell'art. 131-bis cod. pen., la relativa questione (in forza dell'art. 2 quarto comma cod. pen.) è deducibile e rilevabile d'ufficio ai sensi dell'art. 609 co. 2 cod. proc. pen.;

- la Corte di Cassazione, se riconosce la sussistenza della suddetta causa di non punibilità, la dichiara anche d'ufficio ex art. 129, comma 1 cod. proc. pen., annullando senza rinvio la sentenza impugnata a norma dell'art. 620, comma 1 lett. l) cod. pen.

Dando risposta ad altra ordinanza di rimessione le Sezioni unite hanno altresì stabilità che:

- la causa di non punibilità per particolare tenuità del fatto è compatibile con il reato di rifiuto di sottoporsi all'accertamento alcolimetrico (art. 186 co. 7 CdS).

Per comprendere l'entità di tali "aperture" occorrerà aspettare il deposito delle motivazioni.

Avv. Alberto Bernardi

Studio Legale Maisano

Avvocati Penalisti in Bologna

#tenuità #cassazione #SSUU

0 visualizzazioni

Hai un problema simile?

I nostri professionisti possono aiutarti.

Contattaci compilando il form. Oppure visita la pagina CONTATTI

Cliccando sul tasto invia dichiaro di aver preso visione dell'Informativa sulla Privacy resa ai sensi del D.Lgs. 196/2003 e Reg. 679/2016 e autorizzo il trattamento dei dati personali secondo l'informativa stessa.

Studio Legale Maisano
Via Castiglione, 124 - 40136 - Bologna
Tel. 051 331416 - Fax. 051.0076252 - Cell. 338.6418759

Email: maisano@studiolegalemaisano.it

Pec: francesco.maisano@ordineavvocatibopec.it

  • Facebook - White Circle
  • LinkedIn - White Circle

Il titolare dello Studio Legale Maisano è

Avv. Francesco Antonio Maisano

Iscritto all'Ordine degli Avvocati di Bologna

Iscritto all' Albo Speciale patrocinatori Giurisdizioni Superiori

P.IVA. 03675710374